Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
etabeta67 etabeta67 
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(61)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Solaris Fantascienza - Garden Editoriale

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4905
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 5.00
 
N.:   7
La pietra dei sogni - Città senza tempo
Carolyn Janice CHERRYH
     Copertina: Marcus BOAS
 
Data:   Agosto 1987 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Dreamstone, 1983 - Sunfall, 1981
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   320
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 25/05/2012-12:55:07
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
C.J. Cherryh, una delle autrici oggi più acclamate i1i campo fantascientifico, si presenta in questo volume con due romanzi inediti, diversissimi tra loro, ma entrambi affascinanti, in cui ancora una volta rifulge l'ineguagliabile bravura di questa scrittrice già famosa anche in Italia.
La pietra dei sogni è la storia di un mondo primevo in cui l'uomo porta per la prima volta il clangore del ferro e l'acre odore del fumo, una terra in cui in precedenza non si erano mai udite voci umane. Ma c' ancora un luogo intatto, la piccola foresta di Ealdwood, dove abita Arafel il Sidhe, il paziente, orgoglioso Arafel difensore di un mondo che sta per scomparire.
Città senza tempo, invece, è un romanzo composito decisamente atipico nella produzione della Cherryh. E la storia degli uomini che hanno raggiunto le stelle e calcato il suolo di lontani pianeti, ma che hanno serbato nel cuore il ricordo della Terra, la culla dell'umanità. Ma c'è chi non ha abbandonato la Terra per le stelle e ha preferito i vecchi cieli e i venti di un mondo che nella sua storia ha visto trionfi e miserie. Con l'uomo sono rimaste le città a sfidare il tramonto della Terra, città diverse da quelle di un tempo, ma ancora dotate ognuna di una propria individualità e degli antichi orgogli.