Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie nera

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4878
 
Piace a 15 utenti
Non piace a 3 utenti
Media: 7.25
 
N.:   002
Neuromante
William GIBSON
     Traduzione: Giampaolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Marzo 2003 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Neuromancer, 1984
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   336
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 30/11/2014-22:52:33
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il titolo, Neuromante, allude a un doppio gioco di parole, incrocio tra la magia nera del cyberspazio che evoca i fantasmi della mente e un affiato “neo-romantico" di cui ilgenere non si è mai liberato. Il personaggio di Case, cow-boy della rete mercenario — come i suoi illustri precursori sul grande schermo, Jena (“Snake") Plissken e Rick Deckard —, non è troppo diverso da Philip Marlowe. Il suo disincanto nei confronti del mondo è sì congenito e non frutto di lunghe peripezie e disillusioni (Case è un ragazzo di ventiquattro anni), eppure non gli impedisce di mantenere nel modo più assoluto una fortissima connotazione d'umanità, ancorché decadente. Non solo Case è in tutto e per tutto umano e vulnerabile. Non solo è un ex drogato, ex enfant prodige dell'hacking. Non solo, come il buon vecchio Jena, ha in corpo una bomba chimica a orologeria. Case è anche — proprio per tutti questi motivi — quello che potremmo definire un antieroe positivo, un cow-boy solitario...
dalla prefazione di Wu Ming

Per vendetta hanno privato Case della capacità di connettersi al cyberspazio, isolandolo nella prigione del suo corpo materiale. Ora qualcuno è disposto a offrirgli un'alternativa, a ricostruirgli le sinapsi bruciate, a patto che Case porti a termine un'ultima missione... Non è una coincidenza che Neuromante sia uscito due anni dopo Blade Runner, il film di Ridley Scott che rappresenta il “blues" della nuova fantascienza.