Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(29)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Narrativa Nord - Nord

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:45767
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   234
La Prigioniera dell'Inverno
Serge BRUSSOLO
     Traduzione: Chiara SALINA
     Copertina: Iacopo BRUNO
 
Data:   Gennaio 2006 ISBN:    9788842914303
Tit.Orig.:   La Captive de l'Hiver, 2001
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 210
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   300
 
 
  Ultima modifica scheda: Grianne 15/04/2016-23:14:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Per molti, troppi anni, i monaci dell'abbazia di Saint-Thélème, sulla costa normanna, hanno vissuto nel terrore di veder apparire all'orizzonte le vele dei drakar vichinghi. Le innumerevoli incursioni degli uomini del Nord hanno infatti lasciato cicatrici profonde nell'abbazia, e non soltanto nel corpo e nello spirito degli uomini, ma anche nelle numerose statue di santi che ornano la cappella. Ma adesso finalmente sembra tornata la pace, e l'incarico dì riportare le sacre effìgi al loro antico splendore tocca a Marion, un'abilissima intagliatrice di pietra. Eppure, in una nebbiosa mattina d'autunno, un'orda sanguinaria di vichinghi appare come dal nulla, saccheggia l'abbazia, rapisce Marion e la conduce nelle gelide terre nordiche, non prima, però, di aver chiuso le mani della giovane in due «guanti» di ferro. Ben presto Marion scoprirà il perché di quel rapimento; i vichinghi — e soprattutto Rok, il loro capo — sono convinti che soltanto lei sia capace di restaurare le statue di ghiaccio degli dei della tribù, impedendo così che il disgelo e il vento ne alterino le fattezze e quindi che la sventura si abbatta sul loro popolo. Tuttavia Marion dovrà prendersi cura delie statue a costo della sua stessa vita; qualsiasi danno inferto a esse le sarà infatti ricambiato in eguai maniera... Col tempo, la giovane si renderà conto che tutti la considerano davvero potente — al punto che il tocco delle sue mani è considerato foriero di morte —, ma comprenderà pure che il suo arrivo in quella landa desolata ha scatenato una folle ridda dì ambizioni, gelosie, sospetti e interessi...