Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
H.P.L. Vedi il profilo utente 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Fantacollana - Nord - Serie antica

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4488
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N. Volume:   60
Titolo:   I Fuochi di Azeroth
Autore:   Carolyn J. CHERRYH (ps. di Carolyn Janice CHERRYH)
   Prefazione: Sandro PERGAMENO
   Traduzione: Giampaolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
   Copertina: Rowena MORRILL
 
Data Pubbl.:   Maggio 1985 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Fires of Azeroth, 1979
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   296
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 30/12/2018-22:03:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Morgaine e il suo fido scudiero Nhi Vanye abbandonato Shiuan, un pianeta sconvolto dai terremoti e da terribili maree e inondazioni, giungono alla terra di Azeroth, dove esiste un'altra porta stellare segnalata da fuochi alieni, un'altra porta da chiudere e sigillare per sempre. Ma il destino di Morgaine è anche quello di portare distruzione e devastazione, scempio e terrore sui mondi che la accolgono pacificamente: alle spalle della bionda eroina e di Vanye ci sono infatti le orde di Shiuan, gli esuli di un pianeta condannato alla distruzione che vogliono nuove terre e soprattutto vogliono vendicarsi della leggendaria Regina Bianca, vale a dire Morgaine. Su Azeroth però c'è un fattore nuovo, imprevisto: perché qui regnano ancora i terribili, preumani qhal, e i qhal sono al di là e al di sopra della scienza degli umani.