Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(43)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Fantacollana - Nord - Serie antica

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4448
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.50
 
N. Volume:   20
Titolo:   Il Mondo di Nehwon
Autore:   Fritz LEIBER
   Prefazione: Riccardo VALLA
   Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   Dicembre 1977 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   692
 
 
  Ultima modifica scheda: Grianne 11/03/2019-15:47:23
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il mondo di Nehwon raccoglie tutte le avventure di Fafhrd e del Gray Mouser che hanno preceduto gli avvenimenti delle Spade di Lankhmar: avventure che a volte li vedono divisi, a volte rivali, ma più spesso uniti, fin dai primi anni della loro giovinezza, e che si svolgono con equanimità tra principi e gaglioffi, belle donne e vecchie megere, dèi e sottorazze, ma sempre - ahimè! - con scarsissimo profitto per i due nostri eroi. Queste storie fanno parte di uno dei cicli più noti della fantascienza eroica. Leiber prende elementi della tradizione popolare - gli eroi le magnanime imprese - e li lega con un filo di ironia a tutto un filone romanzesco “colto" di opere ambientate in reami esotici, talvolta immaginarie e talvolta galanti, che ha nell'americano J.B. Cabell il suo più noto esponente.