Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(64)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Orizzonti - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4393
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   VIII.1
Volo di drago
Anne McCAFFREY
     Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
     Copertina: Glauco CARTOCCI
 
Data:   Novembre 1975 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Dragonflight, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: erberto 06/03/2010-23:49:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Pern: una colonia umana su un lontano pianeta, che da tempo ha dimenticato le proprie origini, e vive sotto una minaccia sospesa in eterno. Ad intervalli di secoli un mondo vagante, la Stella Rossa, nel percorrere la sua orbita irregolare sfiora il pianeta degli umani. Allora, attraverso l'abisso dello spazio, filtrano nell'atmosfera di Pern gli invasori: esili Fili d'argento solcano i cieli, e tutto ciò che toccano avvampa e si distrugge. Soltanto i Draghi di Pern sono in grado di affrontare e sventare una simile spaventosa, ineluttabile minaccia: ma per allevare, addestrare e cavalcare un Drago occorre essere individui superiori, in possesso di facoltà arcane. Un ordine chiuso e geloso delle proprie tradizioni è l'unico sistema per individuare, accrescere e porre a frutto tali facoltà. Il rischio è appunto questo. Tra una invasione e l'altra, infatti, trascorrono dei secoli: passato il pericolo, l'uomo tende a dimenticare, si rilassa, trascura la vigilanza. La dura necessità, il pericolo stesso, divengono leggenda, canto di poeti, ballate popolari, favole di vecchi. Solo una tradizione pazientemente inculcata e mantenuta viva durante gli anni della dimenticanza potrà risvegliare, giunto il momento del bisogno in cui la leggenda si svela essere cruda realtà e non fantasia, tutte le facoltà richieste. La trilogia dei « Dragonieri di Pern », di cui « Volo di Drago » è la prima parte, è uno dei più interessanti cicli narrativi che la fantascienza ha prodotto in questi ultimi dieci anni nel suo sforzo di rinnovamento interno, tematico e stilistico; è il tentativo ad ampio respiro di creare « ex novo » una mitologia complessa e coordinata, che non sia un semplice adattamento di mitologie « terrestri ». Esso è dovuto ad un nome nuovo, lanciato da John Campbell sulle pagine di « Analog », Anne McCaffrey, che si rivela scrittrice sensibile, originale e dalle notevoli doti letterarie. Sia i lettori che i critici statunitensi hanno testimoniato il loro apprezzemento per quest'opera, i cui diversi capitoli sono apparsi in più riprese sulle riviste di Campbell: i primi assegnando il Premio Hugo 1968 per il miglior romanzo breve alla parte iniziale del romanzo; i secondi il Premlo Nebula 1969 per la stessa categoria all'ultima parte di esso. Anne McCaffrey è stata così la prima donna a vincere i due massimi premi fantascientifici americani.