Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
erberto erberto Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(65)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Omnibus - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:43753
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 4.50
 
I delitti del mosaico
Giulio LEONI
     Copertina: Giacomo GALLO e Andrea FALSETTI
 
Data:   Febbraio 2004 ISBN:    8804524588
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Gialli
 
Categoria:   NON FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   145 x 220
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: dstfnc 05/07/2010-22:02:38
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
"Ecco il Dante che avrei voluto studiare." (Giorgio Faletti)

In una notte del 1300, ai piedi di un gigantesco mosaico incompiuto, un uomo viene ucciso in modo orribile.
Tocca a Dante Alighieri, da poche ore priore di Firenze, il compito di trovare l'assassino, spingendosi nel mondo oscuro e pericoloso che si nasconde sotto quello solare della capitale dell'arte e della cultura. Un compito difficilissimo, ostacolato da falsi indizi e domande cui sembra impossibile dare una risposta.
Chi è Antilia, l'affascinante danzatrice che nasconde dietro il volto truccato le tracce della sua antica nobiltà? Cosa cercano gli uomini dell'imperatore? E cosa ha attirato a Firenze i saggi del cosiddetto Terzo Cielo?
Finora il poeta non si è mai occupato di delitti. Ma ha già preso a tracciare sulle pergamene i versi della Divina Commedia, il più grande trattato di criminologia di tutti i tempi. E alla sua intelligenza acuta unisce un carattere poco incline alla pazienza. Guai a chi si metterà tra lui e la verità, fosse pure un inviato di Bonifacio, il Papa sulla strada del potere assoluto.