Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Zia Marisa Zia Marisa 
Visitatore Visitatori(44)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Losanga 2 - immagine nel cerchio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:435
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N. Volume:   427
Titolo:   Quando le macchine si fermeranno
Autore:   Christopher ANVIL
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   13 Marzo 1966 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Day the Machines Stopped, 1964
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: mvent 17/06/2012-15:39:45
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Trenta milioni di americani hanno qualcosa di nuovo e di memorabile in comune. Gli abitanti di New York City e di Burlington, di Boston, di Rochester e Providence, di decine di altre città e centinaia di cittadine e villaggi... tutti hanno vissuto insieme il "grande buio" del 1965, e d'ora in poi nelle loro conversazioni continuerà a ricorrere questa frase: "dove eravate quando le luci si spensero?" Così scrive il New York Times in un commento alla "catastrofe elettrica" che colpì gli stati americani del nord-est alle ore 17,27 del 9 novembre 1965. La catastrofe in questione potrebbe servire da introduzione a questo romanzo, il quale, peraltro, è stato scritto prima del grande buio. Solo che qui, per le ragioni che si vedranno, rimarranno in pochi a chiedersi: dove eravate quando le macchine si fermarono'