Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
marsman60 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
andypigro andypigro 
Visitatore Visitatori(29)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Losanga 2 - immagine nel cerchio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:429
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.25
 
N.:   421
Vortice di relitti
James WHITE
     Traduzione: Ginetta PIGNOLO
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   30 Gennaio 1966 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Deadly Litter, 1964
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
Ristampato nel numero: 770
 
  Ultima modifica scheda: mvent 17/06/2012-15:37:18
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ci si comincia leggermente a preoccupare, sia a Cape Kennedy che nelle basi spaziali sovietiche, dell'ingombro che fin d'ora costituiscono i numerosi satelliti, stadi e relitti di satelliti, che continuano ad errare per le rotte spaziali. Oggi, la gran parte di questi relitti finisce per rientrare e distruggersi nell'atmosfera. Ma domani, con la progressiva estensione delle rotte, i relitti non rientreranno piĆ¹: tutti i rifiuti del traffico spaziale, dall'astronave esplosa al cavo perduto, continueranno eternamente a vagare costituendo un pericolo mortale per gli astronauti. Su questa traccia di un suggestivo realismo, e con una serietĆ  scientifica paragonabile a quella del suo connazionale Clarke, James White ha scritto il lungo racconto che presentiamo e che, con altri due della stessa vena, aggiorna Magistralmente il tema classico dell'uomo nello spazio.