Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
cosmo 49 cosmo 49 
Visitatore Visitatori(32)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I libri Mito - Nord

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:42262
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   6
Il romanzo di Parmenion
David GEMMEL
 
Data:   Marzo 1999 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Lion of Macedon
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: 07/05/2007-13:43:00
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il mondo degli antichi Greci era fatto di tumulti e di guerre, di intrighi e di tradimenti. Non esisteva una nazione greca e la terra divisa era governata da decine di Città Stato che lottavano tra loro per ottenere il predominio. Per secoli le grandi città di Atene e di Sparta lottarono sulla terra e sul mare per accaparrarsi il diritto di diventare le dominatrici della Grecia, e nel corso di quelle guerre Tebe, Corinto, Orcomeno, Platea... tutte queste città cambiarono fazione più volte e la Vittoria volò da uno schieramento all'altro. Le guerre greche erano finanziate dalla Persia, timorosa che una Grecia unificata potesse dominare il mondo. Nel tempo i Persiani divennero sempre più ricchi, il loro impero fiorì nell'Asia e nell'Egitto, il loro potere si fece sentire in ogni città del mondo civilizzato, e tuttavia essi continuarono a seguire con occhio attento gli eventi della Grecia, perché due volte avevano invaso il suo territorio e due volte avevano riportato spaventose sconfitte. Gli Ateniesi e i loro alleati avevano schiacciato infatti l'esercito di Dario sul campo di Maratona, e in reazione a questo il figlio di Dario, Serse, aveva raccolto un enorme esercito che ammontava a più di un quarto di milione di uomini per sottomettere la Grecia una volta per tutte. Un piccolo contingente spartano aveva bloccato loro il cammino al passo delle Termopili, trattenendoli per giorni, e anche se alla fine i Persiani erano riusciti a passare e a saccheggiare Atene, erano poi stati sconfitti in maniera definitiva in due battaglie. Sulla terraferma 5000 Spartani guidati dal generale Pausania avevano inflitto un'umiliante sconfitta alle orde persiane, mentre sul mare l'ammiraglio ateniese Temistocle aveva distrutto la loro flotta a Salamina. Da allora la Persia non aveva più tentato di invadere la Grecia, cercando invece di governarla con gli intrighi.

Gli eventi descritti in questo libro (cioè la presa della Cadmea, le battaglie alle Termopili, a Leuctra e ad Heraclea Lincestis) hanno tutti fondamenti storici e i personaggi principali (Parmenion, Senofonte, Epaminonda e Filippo il Macedone) hanno tutti calpestato quelle antiche montagne e pianure, seguendo le rispettive strade fatte di onore, di lealtà e di dovere. La vicenda di Permenion è però stata creata da Gemmell, perché la storia ufficiale ha praticamente dimenticato Parmenion, tanto che nessuno è in grado di stabilire se sia stato il re dei Pelagoni, un avventuriero macedone o un mercenario della Tessaglia.