Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(25)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo. I Capolavori della Fantascienza - Ponzoni

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4216
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   43
Il trionfo del tempo - Operazione Key 1444
James BLISH e Morton SIDNEY (ps. di Franco PRATTICO)
     Traduzione: Gianni SAMAJA e Giorgio SOLINAS
     Copertina: Luigi GARONZI
 
Data:   Giugno 1965 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Triumph of Time, 1958 - Operation Key 1444
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   118 x 178
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Stilgar 17/10/2011-23:15:10
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il trionfo del tempo
Il problema che i superstiti della stirpe umana in un lontanissimo futuro dovranno risolvere farebbe tremare i polsi di qualsiasi scienziato dei tempi d'oggi. Il tempo sta per fermarsi per la creazione di antimateria e la conseguente formazione di due universi simmetrici e carichi di energia contraria. L'impossibile sarà tentato per trovare una via di scampo, cioè raggiungere al momento esatto il centro dell'universo, dove tutte le tensioni si equilibrano, e dove l'arresto del tempo potrebbe essere scongiurato un istante prima della sua inversione.

Operazione Key 1444
L'Uomo ha creato un robot troppo perfetto, superiore a lui stesso. E noi assistiamo al dramma di... questo automa, sbalestrato in un mondo per lui incomprensibile, rimanendo ignoto persino ai suoi creatori che lo temono e diffidano delle sue azioni. Ordini contrastanti, palesi ingiustizie incrinano la fiducia illimitata che esso prova per l'Uomo, finché i suoi perfetti meccanismi non ubbidiscono più, e il povero automa preferisce autodistruggersi. Il robot dimostra, però, fino all'ultimo che troppo grande la sua devozione per ribellarsi e sanziona questo suo credo con il sacrificio supremo.