Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Corticelli - Strenne Corticelli - Mursia

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:41788
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   36
Le storie di Peter Pan
James Matthew BARRIE
     Traduzione: Sandra VAGAGGINI e Lelia FRACCARO
     Disegni: Angelo BIOLETTO
 
Data:   1964 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   165 x 232
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Zia Marisa 23/06/2017-23:41:37
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Tra i sobborghi londinesi di fine ‘800 vivono felicemente Wendy Darling e la sua famiglia: oltre i genitori, i suoi fratelli con cui divide la cameretta e si diverte a raccontare favole e storie di pirati; lei, pero', non è piu' una bambina, sta crescendo e deve ricevere una educazione da signorina e, un giorno, futura moglie di un uomo dell'alta societa'. Ma Wendy non vuole diventare donna: lei preferisce ancora raccontare storie di pirati, continuare ad avere Nana, un San Bernardo, per tata e soprattutto sognare ad occhi aperti: come quella notte in cui vide un ragazzino volteggiare per la stanza, del quale s' era innamorata; quel ragazzino non era un sogno: era Peter Pan, il bambino che non vuole crescere, che ogni sera tornava nella sua città natale per ascoltare di nascosto i racconti di Wendy e che, quella notte, perse per sfuggire a Nana la propria ombra nella sua camera...