Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Massimi della Fantascienza - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4097
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   17
Un cantico per Leibowitz, Benedizione Oscura, Umani a condizione, Il mattatore
Walter Michael MILLER jr.
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   Settembre 1988 ISBN:    8804317795
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   145 x 215
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 27/09/2016-15:24:18
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Walter M. Miller jr. ├Ę una delle figure pi├╣ singolari della fantascienza americana. Nato nel 1922, ha pubblicato le sue storie (una quarantina) in un arco di tempo molto ristretto, fra il 1951 e il 1960, e poi ├Ę misteriosamente scomparso dalla vita pubblica. Per strana coincidenza, il 1960 ├Ę anche l'anno in cui appare in volume il suo capolavoro, UN CANTICO PER LEIBOWITZ, subito premiato con un Hugo. Accanto a questo affascinante e tragico affresco della storia del genere umano, che a tutt'oggi rimane ano dei pi├╣ grandi romanzi della fantascienza moderna, questo MASSIMO ospita i soli altri tre romanzi di Miller. UMANI A CONDIZIONE (sul tema del controllo delle nascite e su cosa potrebbe sostituire i bambini), BENEDIZIONE OSCURA, dove un'epidemia aliena porta alla rovina il genere umano, e IL MATTATORE (a sua volta premiato con un Hugo), tragico pezzo di bravura dell'unico attore umano in un mondo teatrale ormai interamente robotizzato.