Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
attiliosfunel attiliosfunel 
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(29)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

La Gaja Scienza (seconda serie) - Longanesi & C.

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:40535
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 9.50
 
N.:   657
Mastermind
James PATTERSON
 
Data:   Marzo 2002 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Roses are red -2000
Note:   Ciclo di Alex Cross (6)
 
Genere:   Libri->Gialli
 
Categoria:   NON FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: gretana 06/04/2012-20:31:10
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Per un serial killer, una delle cose più importanti è la certezza di essere il migliore. Migliore delle sue vittime e soprattutto migliore dei poliziotti che gli danno la caccia. E il Mastermind, la «mente superiore», non ha dubbi: è lui il migliore, perché non deve neppure compiere i delitti; gli basta manipolare psicologicamente alcuni individui, mandarli «in missione» - cioè a rapinare banche e a massacrare sia gli ostaggi sia i loro cari - e poi sbarazzarsene. Ma è davvero un piano infallibile, quello del Mastermind? E qual è il vero scopo di questo piano?
Per un poliziotto, una delle cose più importanti è la certezza di aver capito. Di aver capito la psicologia del criminale, di aver afferrato i meccanismi che ne determinano le azioni. Solo se si trova in sintonia con la sua mente, il poliziotto può essere migliore di lui, può prevederne le mosse. E questo vale soprattutto per i serial killer. Ma Alex Cross, l'unica persona in grado di intuire l'orribile piano del Mastermind, è stanco di entrare nella mente degli assassini. Non vuole più capire.
La linea di confine tra un poliziotto e un criminale talvolta è molto sottile. L’uno fruga nella mente dell’altro, e i pensieri, come in uno specchio, si raddoppiano. L’uno osserva l’altro, e ogni azione provoca una reazione uguale e contraria. Ma cosa può succedere se i delitti prendono a susseguirsi senza logica apparente, sempre più atroci e inspiegabili? Se l’unico fatto indiscutibile è che il Mastermind si prepara a mettere a segno il colpo finale, quello che gli darà la supremazia assoluta? Se l’unico appiglio di Cross è la totale assurdità della vicenda? E’ possibile che il Mastermind esca vincitore dalla sfida?