Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
christianp94 christianp94 
Visitatore Visitatori(14)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Losanga 2 - immagine nel cerchio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:379    
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N. Volume:   371
Titolo:   Essi ci guardano dalle torri
Autore:   J. G. BALLARD (ps. di James Graham BALLARD)
   Traduzione: Hilja BRINIS (ps. di Hilia BRINIS)
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   14 Febbraio 1965 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Passport to Eternity, 1963
Note:   Il titolo del racconto 'Il tempo si guasta' ├Ę errato. Il titolo corretto ├Ę 'Tredici verso centauro'
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   144
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 02/09/2018-17:13:11
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Quando KingHey Amis lo defin├Č ┬źuna delle pi├╣ brillanti promesse della SF contemporanea┬╗, J. G. Ballard non aveva ancora scritto che due romanzi Il vento dal nulla (Urania 288) e Deserto d'acqua (Urania 311). Vennero poi i quattro magistrali racconti che non esitammo a riunire in una stessa Antologia (Urania 321) con altrettanti racconti di Clarke. Oggi con ┬źL'astronauta scomparso┬╗ e le altre short-stories di Essi ci guardano dalle torri, Ballard ha cessato di essere una ┬źpromessa┬╗ per affermarsi definitivamente come il terzo grande della SF inglese, con Arthur Clarke e John Wyndham. Ma pi├╣ ancora di questi ultimi e dello stesso Bradbury - che con lui ha alcuni punti di contatto - Ballard si va rivelando come un autore completo: uno di quegli scrittori che se dalla fantascienza traggono la loro ispirazione pi├╣ profonda e costante, finiscono tuttavia per imporsi su un livello di alta letteratura. Nelle due storie pi├╣ lunghe di questa raccolta, si notino la forza di scrittura e la stupefacente suggestione dei simboli; nelle tre pi├╣ brevi, s'ascolti per esempio quel suono di clalcsons che sale dai piedi del grattacielo... Sono storie ┬źdi semplice fantascienza┬╗: ma con un vento di tragedia vera sempre pronto a levarsi come un vento dal nulla, per trasformare la storia in poesia.