Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
ciccio ciccio 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Oscar - Mondadori - Gli Oscar - Sezione Gli Oscar fantascienza

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3774    
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N. Volume:   448
Titolo:   La decima vittima
Autore:   Robert SHECKLEY
   Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   Gennaio 1976 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Seventh Victim, 1953
Note:   Riedizione nella sezione specifica ''Gli Oscar Fantascienza'' dell'Oscar n┬░ 448 [I Ristampa - Marzo 1973]
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Ristampe/Riedizioni Dimensioni:   110 x 184
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   240
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 28/07/2019-09:17:06
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Robert Sheckley, l'inventore del gioco della Decima vittima, l'autore di Pellegrinaggio alla terra e L'armatura di flanella grigia, ├Ę considerato il pi├╣ brillante tra gli scrittori di fantascienza. Gli specialisti lo assegnano alla variante sociologica della science fiction, ma pi├╣ semplicemente, per gli innumerevoli lettori affascinati dalla inesauribilit├á della sua inventiva e dalla sua intima conoscenza del futuro, Sheckley ├Ę soprattutto un maestro dell'antiutopia, che consiste nell'ipotizzare una societ├á futura vista come un'esasperazione delle manie di quella attuale. Pi├╣ di ogni altro autore di fantascienza, Sheckley si presta a un montaggio dei temi che gli sono congeniali: dalla macchina perfetta che impazzisce e crea disastri forse irreparabili, alla programmazione dell'amore secondo le esigenze dei consumatori, alla svalutazione della vita umana in un crudele gioco collettivo o individuale.