Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
sklerotiko sklerotiko Amico di Urania Mania
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(48)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Oscar Fantascienza - Mondadori - Nuova numerazione

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3756    
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.25
 
N. Volume:   106
Titolo:   Le insidie del pianeta Tschai
Autore:   Jack VANCE
   Prefazione: Giuseppe LIPPI
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   Febbraio 1993 ISBN:    8804368152
Titolo Orig.:   Servants of the Wankh, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 184
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 18/12/2018-11:50:13
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Naufragato solo e senza armi su un lontano pianeta - il cui sinistro nome ├Ę Tschai - il terrestre Adam Reith deve vendere cara la pelle contro una moltitudine di razze mostruose, profondamente aliene ma soprattutto bellicosissime. II viaggio di Reith nelle regioni inesplorate di Tschai, per├▓, non ├Ę solo un susseguirsi di avventure e colpi di scena: ├Ę anche una meditata e divertente ricostruzione delle civilt├á di un mondo rutilante, da quella dei feroci Casch a quella dei Wank, dal regno dei Dirdir al paese dei Pnume. Tutti ritratti con grande realismo e ognuno con le sue peculiari caratteristiche, al punto che questo romanzo, il secondo di una fortunatissima quadrilogia, si pu├▓ ben definire una moderna "odissea spaziale".