Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(49)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cestino Uraniamania - [EDITORE NON PRESENTE]

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3734
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.50
 
N.:   83
Cronache Marziane
Ray BRADBURY
     Traduzione: Giorgio MONICELLI
     Copertina: Anna MONTECROCI
 
Data:   Maggio 1990 ISBN:    8804079568
Tit.Orig.:   The Martian Chronicles, 1950
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 14/03/2010-10:17:40
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Questo libro di Ray Bradbury raccoglie una serie di ”cronache” fantastiche che favoleggiano della conquista e della successiva colonizzazione di Marte da parte di un’umanita prevalentemente americana, tra il 1999 e il 2026: anno in cui lo scoppio di una guerra atomica richiama i terrestri sul proprio pianeta. L’antichissimo Marte resta allora nuovamente abbandonato e deserto, con le ampie e impetuose correnti dei suoi misteriosi canali millenari, coi suoi immensi mari privi di vita, sulle cui sabbie passano i grandi velieri degli ultimi marziani creature simili a fantasmi, ombre e larve di una civilta che i terrestri non hanno saputo ne vedere ne intendere. Con Cronache msrziane e nato un nuovo originalissimo scrittore, per il quale la fantascienza non e che pretesto per dare sfogo all’estrosa fantasia, e, in questo caso, per una protesia contro la vita di oggi che tende, con iI troppo facile materialismo e commercialismo, a distruggere l’elemento poetico e fiabesco, ideale dell’uomo e della sua storia.