Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Albyxz Albyxz 
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(36)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Oscar Fantascienza - Mondadori - Doppia Numerazione

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3701
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N. Volume:   50 - 1837
Titolo:   Conan e il Dio-ragno
Autore:   L. Sprague DE CAMP (ps. di Lyon Sprague DE CAMP)
   A cura di: Giuseppe LIPPI
   Prefazione: Giuseppe LIPPI
   Traduzione: Giuseppe LIPPI
   Copertina: Atelier ENERGIA
 
Data Pubbl.:   7 Giugno 1985 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Conan and the Spider God, 1980
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 184
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   208
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 18/12/2018-11:34:04
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Incarnazione di impulsi irriducibili, di un'istintualità ferina e di un estremo sprezzo del pericolo, il personaggio dell'invincibile barbaro creato nel 1932 dalla fantasia di Robert E. Howard è qui riproposto in una nuova avventura di L. Sprague de Camp, il più assiduo - e forse il più bravo - tra gli scrittori che ne hanno ripreso e arricchito il ciclo.
Costretto a fuggire dal Turan in seguito a un duello mortale, Conan viene subito coinvolto nel rapimento di Jamilah, la moglie favorita di re Yildiz. La donna è stata portata in Zamora dai sacerdoti del tempio di Zath, il mostruoso dio-ragno i cui occhi bruciano come soli malefici e la cui forza diabolica metterà a durissima prova perfino i muscoli d'acciaio del gigantesco eroe cimmero.
Un Conan, dunque, ancora una volta imprevedibile e turbolento eppure, asuo modo, cavalleresco e quasi... umano.