Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
mvent Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
tehom tehom 
massimo massimo 
fabri fabri 
sergio23 sergio23 
Visitatore Visitatori(51)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Losanga 2 - immagine nel cerchio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:352    
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.00
 
N. Volume:   344
Titolo:   L'ultima trappola e altri racconti
Autore:   Autori VARI
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA e Ginetta PIGNOLO
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   9 Agosto 1964 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  N. pagine:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: mvent 15/06/2012-07:36:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La copertina di questo numero illustra alquanto simbolicamente un racconto che, sarà bene dirlo subito, non ha nulla a che vedere con i topi; un racconto di classica fantascienza spaziale, con tanto di astronavi, di anni-luce, di raggi mortali, di cosmiche minacce. E anche gli altri racconti del fascicolo - tratti, come il primo, dalle riviste del gruppo Galaxy - seguono la più affascinante rotta della fantascienza, quella dei pianeti inesplorati, degli aliens incomprensibili, dei cadetti senza paura, dei viaggi verso l'ignoto. Ma, come il lettore non ignora, più movimentata, più affascinante, più suggestiva è la storia, più difficile diventa darne una immagine che non deluda, che non appaia scialba o statica o banale. Meglio, crediamo, prendersi ogni tanto un po' di libertà, e cercare di rendere, per vie indirette, quel senso di strano, di pauroso, di mai visto, che la fantascienza scritta sa suscitare (quando è scritta bene).