Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
adso adso 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Libri di Robot - Armenia

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3253
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   13
Creatori di continenti
L. Sprague DE CAMP (ps. di Lyon Sprague DE CAMP)
     Traduzione: Franco GIAMBALVO
     Copertina: Giuseppe FESTINO
 
Data:   Giugno 1979 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Continent Makers and Other Stories of the Viagens, 1953
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   135 x 208
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   324
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 30/09/2018-10:54:05
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'umorismo nella fantascienza: un capitolo importante di questa letteratura, entusiasmante, pirotecnico, che per la inesauribile ricchezza delle situazioni che è capace di creare, è tutto da scoprire e da godere. Un'arte apparentemente superficiale e «facile», ma nella realtà estremamente impegnativa, tale che solo gli scrittori più dotati di versatile ingegnosità e immaginazione possono cimentarvisi con successo: come è il caso di Lyon Sprague de Camp, incontrastato mago di frizzi fantascientifici, vulcanica personalità dai molteplici interessi.
Il ciclo della «Viagens Interplanetarias», che qui presentiamo, è ambientato nel XXI secolo, quando il Brasile è diventato la prima potenza della terra, le sue flotte solcano indisturbate le rotte interstellari e il portoghese è lingua universale. E' una incredibile sarabanda di gags irresistibili, con i personaggi più strani ma anche più simpatici, come i rettiloni del pianeta Osiride e i centauri di Vishnu, protagonisti di situazioni dalle quali il riso fuoriesce con eccezionale naturalezza. Il lettore ha così modo di apprezzare ancor di più le doti che hanno reso popolare de Camp: una inventiva stupefacente, una rara capacità di ritrarre con credibilità anche le situazioni più bizzarre e, naturalmente, una raffinata abilità nel divertire chi lo legge.