Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
Tony Lee Tony Lee 
Grianne Vedi il profilo utente 
andypigro andypigro 
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Futuro. Biblioteca di Fantascienza - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3191
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 8.75
 
N.:   1
Crociera nell'infinito
A. E. VAN VOGT (ps. di Alfred Elton VAN VOGT)
     Traduzione: Sebastiano FUSCO
     Copertina: Massimo JACOPONI
 
Data:   Giugno 1973 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Voyage of the Space Beagle, 1951
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   150 x 210
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   288
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 28/10/2018-16:14:32
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Presentato per la prima volta in una traduzione fedele, integrale e annotata, « Futuro » offre ai suoi lettori un vero «classico» della fantascienza dell'Età d'Oro, arricchito per di più da una presentazione appositamente scritta dal suo famoso autore. La crociera della « Space Beagle » (l'astronave che riprende il nome del vascello di Darwin) rappresenta una delle più affascinanti avventure nella storia della penetrazione umana nel cosmo. Nello spazio senza confini, sono in attesa i pericoli più straordinari: Coeurl, il felino mostruoso e intelligente che si nutre dell'energia degli esseri viventi; i Riim, una razza di uccelli inconsapevole dei propri tremendi poteri; Ixtl, il demonio scarlatto che vorrebbe usare l'uomo per propagare la sua specie; l'Anabis, il fantasma degli spazi, inafferrabile e spaventosamente affamato. Ma i pericoli non sono solo all'esterno, ma anche all'interno della stessa astronave dove si svolge una spietata lotta per il potere: soltanto la presenza a bordo di Grosvenor il rappresentante di una nuova scienza, il Connettivismo, riuscirà a sventarli. Se mai la fantascienza ba avuto toni epici, questi si ritrovano soprattutto nell'opera di A.E. van Vogt.