Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
cosmo 49 cosmo 49 
Visitatore Visitatori(30)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - G nel cerchietto

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3028
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   213
Retief e i signori della guerra
Keith LAUMER
     Traduzione: Giampaolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
     Copertina: Bruce PENNINGTON
 
Data:   1 Marzo 1976 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Retief and the Warlord, 1968
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Tony Lee 22/11/2015-10:57:23
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ai confini della zona galattica controllata (bene o male) dai terrestri, viene scoperta una nuova razza, gli Haterakans, che sembra nutrire tentazioni di conquista verso i pianeti abitati da coloni umani. L'inclito Corps Diplomatique, ovviamente all'oscuro della reale situazione sul pianeta, sta addirittura pensando di intervenire con aiuti economici ai poveri extraterrestri sottosviluppati, e a tale scopo viene inviato il noto aiuto d'ambasciata Retief in ricognizione. Ben presto Retief piomba nella mischia sotto falso nome (com'è sua abitudine) e schierandosi a fianco dei coloni terrestri sul punto di essere assaliti dagli Haterakans riesce ad introdurre un elemento nuovo nella situazione. Retief non e certo sostenitore di politiche aperte o rivoluzionarie, ma costituisce senz'altro il miglior veicolo per una delle attuali vene dissacratorie e dirompenti della fantascienza americana. Forse per questo Retief è poco amato dai diplomatici americani; perchè ci insegna la storia a rovescio.