Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(53)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3015
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   200
Retief, ambasciatore spaziale
Keith LAUMER
     Traduzione: Gian Paolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
 
Data:   1 Agosto 1974 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Retief: Ambassador to Space, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: zecca_2000 30/01/2019-19:20:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Retief, un deus ex machina che interviene a rimediare i guai combinati da un ambasciatore capo propenso ad ignorare i buoni consigli, restituendo credibilità e prestigio alla vecchia Terra, in un momento di crisi con certi nativi. Laumer ha scritto questa serie di racconti con consumata abilità, restituendo la fantascienza in tempo di "contaminazioni" socialpolitiche a se stessa. Gli appassionati del "classico" troveranno qui pane per i propri denti. Non che Laumer si limiti ad una letteratura di disimpegno e di pura evasione. Certi racconti, come ad esempio "Noie con la diga", fanno trasparire situazioni tipo Vietnam, sia pure in una cornice fantascientifica. Anche i lettori dal palato più difficile avranno quindi soddisfazione. Del resto, non è questo uno dei maggiori pregi della sciente-fiction (e di Laumer)?