Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
paolo1805 paolo1805 
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(73)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:3015
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   200
Retief, ambasciatore spaziale
Keith LAUMER
     Traduzione: Gian Paolo COSSATO e Sandro SANDRELLI
 
Data:   1 Agosto 1974 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Retief: Ambassador to Space, 1969
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: Tony Lee 22/11/2015-10:48:58
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Retief, un deus ex machina che interviene a rimediare i guai combinati da un ambasciatore capo propenso ad ignorare i buoni consigli, restituendo credibilità e prestigio alla vecchia Terra, in un momento di crisi con certi nativi. Laumer ha scritto questa serie di racconti con consumata abilità, restituendo la fantascienza in tempo di "contaminazioni" socialpolitiche a se stessa. Gli appassionati del "classico" troveranno qui pane per i propri denti. Non che Laumer si limiti ad una letteratura di disimpegno e di pura evasione. Certi racconti, come ad esempio "Noie con la diga", fanno trasparire situazioni tipo Vietnam, sia pure in una cornice fantascientifica. Anche i lettori dal palato più difficile avranno quindi soddisfazione. Del resto, non è questo uno dei maggiori pregi della sciente-fiction (e di Laumer)?