Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(44)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2973
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 8.00
 
N.:   158
Una coppa piena di stelle
Robert Franklyn YOUNG
     Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
     Copertina: Antonio ATZA
 
Data:   15 Gennaio 1972 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A Glass of Stars, 1968
Note:   La prima parte √® stata pubblicata su Galassia 151
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: Tony Lee 22/11/2015-10:23:30
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Robert F. Young si ripresenta con un'altra selezione di racconti, caratterizzati dalla stessa lieve ansia di poesia e dalla stessa malinconica grazia che caratterizzavano Trenta giorni aveva settembre. Ed √® presente la stessa sfumata, remota ironia. Ma questa volta, quasi sempre, √® la malinconia ad avere la meglio. La malinconia, ed una tensione particolare, una nostalgia per la fiaba e la leggenda. Questo non impedisce ai racconti di rappresentare esempi corretti e del tutto ortodossi della science-fiction. Nessuno di loro √® improntato ad una fantasia del tutto libera, avulsa dalle regole del gioco fantascientifico. Le componenti che li rendono affini alle fiabe e alla leggenda non sono metodologiche, sono sentimentali. Non √® il congegno che sa di fiaba e di leggenda: √® l'atmosfera. E questa atmosfera sopraff√† a volte la delicata, sotterranea ironia e porta allo scoperto pi√Ļ forti impulsi drammatici. Basta considerare L'Albero, una sinfonia dolorosa lanciata in un inarrestabile crescendo verso una conclusione drammatica: drammatica, non tragica, perch√© Young rifiuta l'essenza della tragedia, e cos√¨ scopre che alla fine il delitto consumato da Tom Strong era un pietoso gesto di eutanasia; basta considerare I miei occhi hanno visto la gloria, un tema che sarebbe piaciuto pazzamente a Bob Sheckley, il quale l'avrebbe trattato con aperto sarcasmo, mentre Young, in perfetto equilibrio tra ironia e fede, lo risolve con puntiglioso scrupolo, dilatandolo a dimensioni di pura leggenda. Basta pensare a La stella del desiderio, in cui la violenta polemica contro la dittatura militarista sfuma nello sfondo, per lasciare in primo piano gli elementi intensamente lirici. Pi√Ļ apertamente drammatica la conclusione de I passi dei grandi, ma temperata dalla vena di umile, semplice poesia intessuta nelle brevi pagine del racconto. Pi√Ļ apertamente ottimista, la sua controparte, Quel che successe su Venere, un po' trasparente e voluta nella trama, ma aggraziata da particolari cos√¨ leggiadri e spiritosi (l'intervento dei venusiani) da acquistare una sua originalit√† inconfondibile. Forse la ricerca della poesia, in Young, pu√≤ essere accusata di qualche forzatura. Forse √® facile imporre al lettore la certezza di stare leggendo un'opera di poesia quando gli si rovesciano addosso torrenti di fiori e di laghi azzurri e di alberi verdi e di dolci colline e di uccellini canori color arcobaleno, e quando gli si presentano contadini e baristi che parlano con estrema propriet√† di linguaggio, sciorinando eleganti metafore e teorie elaborate. Forse Young ha scelto una scorciatoia, per "fare della poesia". √ą difficile stabilirlo. Comunque, si sente fremere, in ogni sua parola, una sincerit√†, un abbandono autentici. E, a questo punto, si √® irrimediabilmente conquistati.