Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
nollicus Vedi il profilo utente 
mishita mishita 
victory Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
maxborgo maxborgo 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Sentinel Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(36)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2968    
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.50
 
N. Volume:   153
Titolo:   Tre cuori e tre leoni
Autore:   Poul ANDERSON
   Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
   Copertina: Carlo JACONO
 
Data Pubbl.:   1 Novembre 1971 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Three Hearts and Three Lions, 1961
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   208
 
 
  Ultima modifica scheda: zecca_2000 28/01/2019-08:37:11
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
J. B. Fletcher ha scritto che la fantascienza, come del resto buona parte della narrativa contemporanea, ha notevoli affinità strutturali e ideologiche con il mondo allegorico. E' praticamente impossibile riassumere qui le caratteristiche coincidentali, dall'agente demonico all'ornamento cosmico, che la science fiction mutua dall'allegoria. Ma è il caso di ricordare, tanto più a proposito data la natura di questo celebre romanzo di Anderson, che ci troviamo di fronte a un testo il quale rappresenta una specie di versione speculare, in senso fantascientifico, del romanzo medievale; e non per le troppo facili analogie esterne, ma proprio per le sue strutture: la vicenda dominata dalla classica quest, o ricerca mistica, l'impulso letteralmente demonico che spinge il suo protagonista, i paralleli allegorici tra le Orde del Caos e la minaccia della Germania nazista. Ma se questa è materia esemplare di speculazione, scendendo a considerazioni più accessibili bisogna ricordare che questa storia di Anderson (apparsa in precedenza, in una versione più breve su Fantasy e Science Fiction, che in Italia ebbe una traduzione sulla quasi leggendaria Fantascienza Garzanti) si raccomanda al lettore non appassionato collezionista di saggi estetici per le sue qualità più immediate: una vivacità d'invenzione senza appesantimenti, una sotterranea carica di ironia e di autoironia che culmina proprio nella rappresentazione d'un mondo in cui sarebbero possibili incantesimi e miracoli, un linguaggio nervoso e teso, plastico ed immaginoso. Stare a rivedere le bucce del retroterra culturale di Anderson in questa particolare vicenda, e analizzarlo criticamente sarebbe un esercizio divertente ma sterile; certo, gli si può rimproverare d'aver fieramente mescolato elementi di due cicli diversi, quello arturiano e quello carolingio (più qualche prestito dalla mitologia tedesco-scandinava), come può osservare da sé chiunque abbia letto Wace e il Boiardo, Chrétien de Troyes e Geoffrey di Monmouth, Marie di Francia e la Chanson de Roland. Tuttavia quando (facendo le debite proporzioni) si rilegge l'Eneide, non si è certo immediatamente spinti a chiedersi come mai Enea possa amare e abbandonare Didone, se è vissuto quattrocento anni prima di lei; e confusioni gigantesche e sacrileghe sul conto di personaggi epici le hanno combinate molti altri autori classici: Stazio, per citarne uno solo, in base a un criterio appena appena rigoroso meriterebbe la fucilazione, e probabilmente anche Euripide e Sofocle: quindi, perché prendersela con Anderson? Perciò è il caso di tralasciare scrupoli superflui e di apprezzare questo romanzo, il capolavoro di Poul Anderson, ed uno dei più belli della science-fantasy, per quello che è: un'opera unica nonostante i suoi confessati prestiti dai romanzi cavallereschi e da Un americano alla Corte di re Artù, un romanzo d'una freschezza incantevole, d'una immediatezza accattivante, delizioso e irripetibile, lontano dagli eccessivi forzati pseudocerebralismi e dalla pseudopoesia che inquinano parte della fantascienza attuale, come dalle vistose dabbenaggini della space-opera più diffusa.