Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
vinmar Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
attiliosfunel attiliosfunel 
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
stalker1 stalker1 
puffo puffo 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(51)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2944
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   129
Le donne della neve
Fritz LEIBER
     Traduzione: Gianni MONTANARI
     Copertina: Ferruccio ALESSANDRI
 
Data:   1 Novembre 1970 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Snow Women, 1970
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: zecca_2000 24/01/2019-09:05:35
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Fritz Leiber, ovvero il gradito ritorno. Dal 1965 questo autore mancava dalle nostre pagine, e precisamente dallo stesso anno in cui vinse il suo secondo Hugo con l'eccellente The Wanderer. Che questo mefistofelico autore si interessi di magia nera e si diverta a fustigare i costumi di una certa way of life americana è risaputo. Violento e satirico come pochi altri, fermamente intenzionato a graffiare e a lasciare segni profondi, Leiber è uno di quei pochi autori capaci di impostare un tema su una base dialettica molto ampia e di condurlo poi innanzi senza sentirsi impastoiato da legami di sorta, saltando da un genere all'altro o unendoli insieme, con effetti quasi sempre dirompenti. Basta ricordare solamente The Green Millennium e The Silver Eggheads. Lo si è visto fra l'altro fra gli interpreti, a Trieste, di un pazzesco e piuttosto sconclusionato film americano imperniato sulla magia, e il Nostro ha saputo sbrigare la sua pur breve apparizione dando un'insolita e gustosa prova di istrioneria. La magia entra anche a far parte di questo ciclo di avventure di Fafhrd il Barbaro e del suo amico Acchiappatopi Grigio. E' stato detto che la SF tende a soddisfare nei lettori il desiderio di avventure eroiche e di contatti con l'ignoto: Leiber sembra aver fatto propria questa affermazione ed essersi concesso una breve parentesi fantastica, lasciando momentaneamente da parte l'osservazione diretta dei costumi sociali. E si è lanciato con il barbaro Fafhrd in un mondo antico e sconosciuto, ricco di pericoli e di suggestive avventure, su questo Nehwon che per certi aspetti ricorda l'Europa delle grandi invasioni barbariche e per altri le favolose città orientali del XII e XIII secolo. Fafhrd si aggira, moderno Ulisse, in un universo che gli offre, tentatore, i suoi frutti violenti e proibiti, ma i motivi che lo spingono a farlo sono velati dal mistero e si nascondono nella sua giovinezza. Leiber ha condotto avanti per anni queste avventure ed ha sempre malignamente lasciato nell'ombra tutto ciò che poteva servire a meglio conoscere il suo barbaro eroe: solo l'anno scorso ha pubblicato la prima avventura di Fafhrd, quella che noi vi presentiamo. Il porto delle stelle e I due impareggiabili ladri sono due avventure che vi faranno conoscere l'enigmatica figura dell'Acchiappatopi Grigio.