Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Galassia - La Tribuna - Scritta Galassia nel riquadro colorato

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2944
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   129
Le donne della neve
Fritz LEIBER
     Traduzione: Gianni MONTANARI
     Copertina: Ferruccio ALESSANDRI
 
Data:   1 Novembre 1970 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Snow Women, 1970
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: Tony Lee 20/11/2015-12:39:35
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Fritz Leiber, ovvero il gradito ritorno. Dal 1965 questo autore mancava dalle nostre pagine, e precisamente dallo stesso anno in cui vinse il suo secondo Hugo con l'eccellente The Wanderer. Che questo mefistofelico autore si interessi di magia nera e si diverta a fustigare i costumi di una certa way of life americana è risaputo. Violento e satirico come pochi altri, fermamente intenzionato a graffiare e a lasciare segni profondi, Leiber è uno di quei pochi autori capaci di impostare un tema su una base dialettica molto ampia e di condurlo poi innanzi senza sentirsi impastoiato da legami di sorta, saltando da un genere all'altro o unendoli insieme, con effetti quasi sempre dirompenti. Basta ricordare solamente The Green Millennium e The Silver Eggheads. Lo si è visto fra l'altro fra gli interpreti, a Trieste, di un pazzesco e piuttosto sconclusionato film americano imperniato sulla magia, e il Nostro ha saputo sbrigare la sua pur breve apparizione dando un'insolita e gustosa prova di istrioneria. La magia entra anche a far parte di questo ciclo di avventure di Fafhrd il Barbaro e del suo amico Acchiappatopi Grigio. E' stato detto che la SF tende a soddisfare nei lettori il desiderio di avventure eroiche e di contatti con l'ignoto: Leiber sembra aver fatto propria questa affermazione ed essersi concesso una breve parentesi fantastica, lasciando momentaneamente da parte l'osservazione diretta dei costumi sociali. E si è lanciato con il barbaro Fafhrd in un mondo antico e sconosciuto, ricco di pericoli e di suggestive avventure, su questo Nehwon che per certi aspetti ricorda l'Europa delle grandi invasioni barbariche e per altri le favolose città orientali del XII e XIII secolo. Fafhrd si aggira, moderno Ulisse, in un universo che gli offre, tentatore, i suoi frutti violenti e proibiti, ma i motivi che lo spingono a farlo sono velati dal mistero e si nascondono nella sua giovinezza. Leiber ha condotto avanti per anni queste avventure ed ha sempre malignamente lasciato nell'ombra tutto ciò che poteva servire a meglio conoscere il suo barbaro eroe: solo l'anno scorso ha pubblicato la prima avventura di Fafhrd, quella che noi vi presentiamo. Il porto delle stelle e I due impareggiabili ladri sono due avventure che vi faranno conoscere l'enigmatica figura dell'Acchiappatopi Grigio.