Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(46)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa - formato piccolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:279    
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 6.67
 
N. Volume:   279
Titolo:   Loro i terrestri
Autore:   Poul ANDERSON
   Traduzione: Andreina NEGRETTI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   8 Aprile 1962 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Twilight World, 1961
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   160
 
Ristampato nel numero: 590
 
  Ultima modifica scheda: mvent 14/06/2012-07:42:57
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il governo degli Stati Uniti, o almeno quel che ne ├Ę rimasto, ┬źdeve┬╗ sapere cos'├Ę successo nel mondo dopo la bufera di una guerra atomica, e il colonnello pilota Hugh Drummond, un uomo disperato, accetta di compiere questa disperata missione, dalla quale ci sono pochissime probabilit├á di tornare, perche gli ├Ę successo qualcosa che gli ha tolto ogni gusto alla vita. Come quasi sempre accade proprio a chi la vita non interess├á pi├╣, Drummond passa indenne tra gli orrori e i pericoli di un'umanit├á affamata, imbarbarita, ridotta allo stato di belva. Il suo rapporto sulle condizioni nel mondo supera ogni pi├╣ pessimistica previsione. Ciononostante il Presidente Robinson spera, contro ogni logica, di salvare ancora i terrestri, e si rifiuta di capire quel che Drummond e le prove raccolte da Drummond dicono chiaro: entro poche generazioni i terrestri non saranno pi├╣ come Robinson li ha sempre conosciuti. La guerra ├Ę s├Č finita, ma il pericolo permane, invisibile, nel cielo, nel suolo, negli uomini, nel cibo di cui gli uomini si nutrono, nell'aria che respirano. Ed ├Ę per questo che i futuri terrestri non saremo pi├╣ noi, ma ┬źloro┬╗.