Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Robot Speciale - Armenia

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2742
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.00
 
N.:   3
Il pianeta dei venti. Il meglio della fantascienza nel 1975
Autori VARI
     A cura di: Donald Allen WOLLHEIM
     Traduzione: Gabriele TAMBURINI
 
Data:   Giugno 1977 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The 1976 Annual World's Best SF, 1976
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   139 x 189
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   264
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 30/03/2014-16:27:34
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Nuove ipotesi sul futuro dell'uomo, sul suo passato e sul suo presente, vi attendono in queste pagine. Donald A. Wollheim, editore e critico, ha riunito i nove migliori racconti di fantascienza apparsi in America nel 1975, tutti inediti in Italia. Anche i nomi degli autori sono nuovi per il nostro pubblico. Ad eccezione di John Brunner e di George Martin (che questa volta ha lavorato in collaborazione con Lisa Tuttle), si tratta di scrittori la cui fama, già ampia negli Stati Uniti, non ha ancora raggiunto i nostri confini. I nomi? Michael Bishop, Gregory Benford, Richard Cowper, Brian Stableford, e gli altri. Celebri o non celebri, tutti hanno in comune una grande dote: sanno scrivere, sanno farsi leggere. Questi racconti sono divertenti, piacevoli, interessanti; spaziano sui più diversi temi, dalla precognizione alla creatura aliena, dall'incubo politico all'immortalità; e ci offrono un quadro variegato, imprevisto, liberissimo, di quella che oggi è la fantascienza americana.

Nota dello STAFF-UM : Nella presentazione tratta dal volume viene citato G. Benford mentre in realtà all'interno del libro non sono presenti suoi racconti.