Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
sklerotiko sklerotiko Amico di Urania Mania
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
Faresme Faresme 
stalker1 stalker1 
Visitatore Visitatori(38)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:270
 
Piace a 1 utente
Non piace a 1 utente
Media: 5.75
 
N.:   270
L'ultima stazione
Wilson TUCKER
     Traduzione: Giacomo FECARROTTA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   3 Dicembre 1961 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   To the Tombaugh Station, 1960
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: mvent 14/06/2012-07:38:58
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Kathy Bristol non ama la vita mondana, e non coltiva le relazioni sociali. Kathy Bristol preferisce il rischio della caccia. La selvaggina, animali uomini, l'attira irresistibilmente. Se non fosse così non si sarebbe scelta quel mestiere, e non lo farebbe con tanto entusiasmo da dichiarare di essere disposta seguire Irvin Webb fino alla Stazione Tombaugh, l'ultima Stazione, se questo fosse necessario per scoprire in che modo il giovane Singleton ha avuto l'incidente sul l'astronave. Ma quando lo disse, Kathy non credeva di dover arrivare realmente sul picco ghiacciato di Plutone, dove i terrestri avevano installato, da una decina d'anni, la loro più importante base scientifica per studiare lo spazio oltre l'estremo pianeta del Sistema. E soprattutto non credeva di doverci arrivare in quelle condizioni, in lotta coi secondi e con le gocce di idrogeno liquido col rischio di arrivare quando già il pianeta aveva incominciato la sua corsa d'allontanamento diventando irraggiungibile. E non credeva di dover fare tanta fatica per convince Webb a soccorrere il misterioso naufrago che andava alla deriva in una specie astronave fantasma. Ma tutto queste cose invece succedono, finché Kathy si trova a sperare che l'astronauta ritenuto troppo rude e insensibile, lo sia abbastanza da riuscire ad atterrare sulla sfuggente superficie ghiacciata di Plutone anche così malridotto com'è stato da quel brusco passaggio in caduta libera che il cervello elettronico dell'astronave, stranamente, non ha segnalato come avrebbe dovuto.