Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Oro - Nord - Serie moderna

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2671
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N.:   169
Awlo dell'Impero di Ulm
Sterner P. MEEK (ps. di Sterner St. Paul MEEK)
     Traduzione: Viviana VIVIANI
 
Data:   Marzo 1998 ISBN:    8842910171
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   205
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 23/09/2018-11:39:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
...Quando riuscii a stabilire con assoluta certezza che il mio apparecchio era in grado di ingrandire o rimpicciolire gli oggetti inanimati, cominciai a fare esperimenti con gli organismi viventi. Il mio primo soggetto fu un coniglio e scoprii che potevo farlo diventare grande come un pony, o ridurlo alle dimensioni di un topolino senza visibili effetti negativi. Allora decisi che era giunto il momento di provare il mio Adattatore su di me. Entrai nella piattaforma e azionai il pulsante d'avvìo: la casa che c'era sulla sinistra del prato e con essa tutto il paesaggio cominciarono a crescere a proporzioni colossali. Tenni acceso l'apparecchio finché i granelli di sabbia iniziarono ad apparirmi come enormi macigni, allora decisi di tornare indietro, ma il pulsante d'avvio si era incastrato e non riuscii a fermare la riduzione. I granelli di sabbia diventarono enormi montagne. Un'occhiata all'indicatore delle grandezze relative mi confermò che avevo raggiunto il punto "infinito": avevo smesso di rimpicciolire. Mi guardai attorno e quasi non credetti ai miei occhi: davanti a me si stendeva una bellissima radura soleggiata, tappezzata d'erba e fiori multicolori; tutto quello che vedevo sembrava normale, l'erba, gli alberi e persino le zanzare che mi ronzavano intorno. Per essere certo di non trovarmi nel bel mezzo di un sogno, uscii dall'adattatore e scesi sull'erba. Non sognavo! mi trovavo nella dimensione submicroscopica e a conferma di tutto ciò, un grande cervo sfrecciò nella radura e spari tra gli alberi che la cingevano...