Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
attiliosfunel attiliosfunel 
victory Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Rocheta Rocheta 
cosmo 49 cosmo 49 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Oro - Nord - immagine riquadro grande

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2613
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.17
 
N.:   111
I reietti dell'altro pianeta
Ursula LE GUIN (ps. di Ursula Kroeber LE GUIN)
     Traduzione: Riccardo VALLA
     Copertina: Alan GUTIERREZ
 
Data:   Luglio 1990 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Dispossessed. An Ambigous Utopia, 1974
Note:   Premio Hugo 1975
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   352
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 20/09/2018-18:36:47
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
PREMIO HUGO 1975 PREMIO NEBULA 1975
per il miglior romanzo di fantascienza dell'anno
Due pianeti gemelli, Urras e Anarres, sono uno la luna dell'altro. Ma Urras, quasi desertico, non aveva mai favorito gli insediamenti umani, fino a quando non vi migrarono in massa i seguaci di Odo, che erano in contrasto insanabile con la società del benessere che prosperava (e continua a prosperare) su Anarres. Da allora gli Odoniani hanno creato una società di sopravvivenza, consona tuttavia ai loro ideali: una «fratellanza» da cui sono esclusi i sentimenti stessi di proprietà, di governo e di autorità. I contatti fra i due pianeti sono esigui, benché non interrotti, ma un muro chiude il porto franco in cui scendono le navi spaziali anarresiane, e salvaguarda come un cordone sanitario gli «anarchici», i nullatenenti di Urras, dalle idee (non meno che dai microbi) di Anarres. In questo libro emergono le doti narrative e immaginative di Ursula Le Guin attraverso una descrizione fitta di particolari affascinanti, che ci da il ritratto di due opposti modi del vivere civile: da una parte la profonda analisi di una società opulenta, dall'altra la sottile rete di «precetti e di «rituali» in cui ricade anche una società fondamentalmente anarchica. L'elemento che mette a fuoco le due opposte situazioni è l'esperienza di Shevek, il genio matematico che, con un apparente tradimento, accetta un invito a lavorare sul pianeta dei «ricchi» e dei «proprietari», spinto dal proprio desiderio di abbattere le barriere dell'odio e della diffidenza, simboleggiate dal muro che chiude il porto di Anarres. Le prospettive che vengono mostrate in questo romanzo, l'essenziale senso della Storia come «lavoro da fare» tra rischi e incertezze, sono rivelatrici: I reietti dell'altro pianeta rida vita alla tradizione utopistica a favore della nostra ambigua epoca di speranza e di terrore, e porta magistralmente la fantascienza all'altezza della grande letteratura umanistica.