Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
wawawa wawawa 
raffa raffa 
flex62 flex62 
Visitatore Visitatori(48)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:261
 
Piace a 13 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.70
 
N.:   261
La collina di Hawotack
Samy FAYAD
     Copertina: Ferenc PINTÉR
 
Data:   30 Luglio 1961 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 29/11/2014-00:11:09
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Samy Fayad possiede un'abilità poco comune: riesce a far sorridere anche nelle situazioni più tragiche senza che per questo il dramma perda pathos. Uniamo quest'abilità a una fantasia ben guidata, alla capacità di tratteggiare personaggi vivissimi anche quando si tratta di «generici» e «comparse», per usare definizioni cinematografiche, a un linguaggio sciolto e di piacevolissima lettura, e avremo un romanzo di Samy Fayad. Nel caso specifico abbiamo un gioiello dal titolo «La collina di Hawotack». Hawotack è un ridente villaggio americano, con le sue zitelle, il suo sceriffo, il suo vicario, la sua maestrina, e alcuni cani. Ad Hawotack c'è anche un giovane disegnatore. E c'è la collina. Sulla collina, una villetta che ospita uno scienziato incompreso. Uno scienziato che non inventa niente di utile per una eventuale guerra. Lui si limita a cambiare il colore del pelo dei cani. Ma questa e altre sue invenzioni del genere non interessano il Pentagono. Ecco perché in quel mattino, cominciato come ogni altro mattino, ad Hawotack succedono tante e tali cose che se non impazziscono tutti è un vero miracolo. Ed ecco perché la notte di quel giorno ad Hawotack nessuno dorme. Nemmeno i lettori dormiranno, finché non avranno sapute come si conclude l'avventura di Hawotack, della maestrina, del disegnatore, del cane del disegnatore, e di quel bellimbusto del nonno del disegnatore