Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
fabri fabri 
Algernon Algernon 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(52)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Argento - Nord - Serie moderna

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2378
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N.:   279
Nell'abisso di Olduvai
Mike RESNICK
     Traduzione: Nicola FANTINI
     Copertina: Bob EGGLETON
 
Data:   Aprile 1997 ISBN:    8842909637
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   228
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 02/08/2012-09:36:09
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Olduvai √® una gola rocciosa nelle pianure del Serengeti, nel nord della Tanzania. √ą il luogo dove nel 1931 Louis e Mary Deakey scoprirono i resti del pi√Ļ antico antenato dell'Homo sapiens, l'Uomo del Basso Pleistocene, che visse due milioni di anni fa. √ą qui che giunge una spedizione aliena per ricostruire la storia dell'umanit√†, cinquemila anni dopo la sua estinzione: fra di essi, un Archeologo, uno Storico, un Esobiologo, uno Studioso di manufatti e un Mistico. E c'√® un altro componente, Colui-che-Vede, una figura dai poteri straordinari, che pu√≤ "sentire" ed evocare con nitidezza la storia di un oggetto semplicemente sfiorandolo.
Gli alieni sono venuti a Olduvai per risolvere un enigma. Mai infatti è esistita una razza così diversa da tutte le altre come l'Uomo. Dopo 17.000 anni da quando si affacciò nello spazio, superando i confini del pianeta natale, la razza umana si è estinta. Ma in quest'arco di tempo - che è un intervallo brevissimo su scala cosmica - ha scritto un capitolo di storia galattica destinato a durare per sempre. Ha conquistato le stelle; ha colonizzato milioni di pianeti, governato un impero con volontà ferrea. E ora, cinquemila anni dopo la sua estinzione, le vette e gli abissi che seppe raggiungere sono ancora un mistero che stimola l'immaginazione e la curiosità delle razze del cosmo.
E la risposta può essere qui, sulla Terra, nella gola rocciosa dove egli superò per la prima volta la barriera dell'evoluzione, vide le stelle con occhi diversi, giurando che un giorno sarebbero state sue.
E attraverso il tocco e la visione di una creatura aliena rivive la parabola dell'umanità, in una storia toccante e profonda.