Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(51)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Cosmo Argento - Nord - Serie moderna

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:2349
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.25
 
N.:   250
La spiaggia d'acciaio
John VARLEY
     Traduzione: Enzo VERRENGIA
     Copertina: Christopher FOSS
 
Data:   Giugno 1994 ISBN:    8842907715
Tit.Orig.:   Steel Beach, 1992
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   544
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 02/08/2012-09:27:35
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La Terra è stata distrutta dalla misteriosa razza aliena degli Invasri, che nessuno ha mai visto né è tornato a descrivere, ma i superstiti hanno colonizzato vari pianeti e satelliti del sistema solare, creando mondi artificiali dove tutto è possibile... La Luna è uno di questi paradisi artificiali, dove una tecnologia avanzatissima che opera attraverso il Computer Centrale risolve qualsiasi problema: la medicina può curare ogni malattia, assicurando una virtuale immortalità, e chiunque può cambiare sesso a piacimento; il dominio dell'informazione è assoluto, mentre l'ambiente è totalmente controllato e chiunque può vivere nel mondo che si è creato o scegliere quello a cui meglio si adatta, come in un'eterna Disneyworld. Eppure i suicidi sono in progressivo aumento e fra i casi disperati c'è anche... il Computer Centrale. Hildy Johnson deve assolutamente scoprire che cosa sta accadendo, perché la situazione rischia di diventare esplosiva. Ma si sa, il paradiso di alcuni è l'inferno per altri, e forse l'umanità assomiglia davvero a un pesce agonizzante su una spiaggia d'acciaio, dopo la morte definitiva della Natura...