Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(58)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:224
 
Piace a 1 utente
Non piace a 1 utente
Media: 6.00
 
N.:   224
Plutone si difende
Richard BESSIÈRE
     Traduzione: Patrizio DALLORO (ps. di Maria Teresa MAGLIONE)
     Copertina: Mario D'ANTONA
 
Data:   28 Febbraio 1960 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Planète vagabonde, 1951
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 29/08/2018-10:44:35
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ancora una volta il fantasioso Richard Bessière porta i suoi lettori a zonzo fra i pianeti con l'equipaggio della «Meteora». E' l'equipaggio più sconcertante, più assortito, più divertente che abbia mai pilotato un'astronave. E le avventure che capitano a questi astronauti sono per lo meno altrettanto stravaganti. Questa volta, i simpatici personaggi finiscono per trovarsi addirittura al centro di una guerra interplanetaria, e con il generoso entusiasmo che li contraddistingue si schierano, senza troppo pensarci, dalla parte del più debole. Autentici paladini, che hanno sostituito le antiche lance con i moderni atomi, gli eroi di Bessière cavalcano con la loro «Meteora» fino a Plutone, i cui abitanti, pacifici per natura, non sono in grado di sostenere uno scontro armato, e sono troppo orgogliosi per accettare di venire ridotti alla condizione di schiavi. E prima di giungere a una conclusione, quanti guai.