Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Glystra Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:218
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N.:   218
Il signore dei Transalpha
Henry WARD
     Traduzione: Patrizio DALLORO (ps. di Maria Teresa MAGLIONE)
     Copertina: Mario D'ANTONA
 
Data:   6 Dicembre 1959 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   L'Enfer est dans le ciel, 1959
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   192
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 26/08/2018-20:06:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Henry Ward, l'autore de "I Soli Verdi", che pubblicato in questa collezione destò tanto interesse, narra nel suo nuovo romanzo un'altra delle sue appassionanti avventure di agente segreto. Un'avventura che va oltre la limitata sfera dei nostro piccolo pianeta e abbraccia, si può dire, l'universo, pur rimanendo in un'atmosfera di crudele, quasi spietata, realtà. Sfilano davanti al lettore i personaggi politici più noti del mondo contemporaneo, le basi segrete americane, russe, cinesi, da cui sfrecciano i satelliti artificiali con mete sempre più ambiziose; gli intrighi, le rivalità, le rappresaglie di questo nostro mondo diviso in due parti; gli squallidi paesaggi dei deserto di Gobi, il desolato malefico retaggio dell'antica civiltà di Marte. E tutto questo serve come indispensabile scenario a una vicenda intensa d'azione ma anche di profonda umanità, specialmente nel punto in cui narra l'agonia spaventosa dei primi tre uomini che, lanciati verso Marte a bordo di un satellite cino-russo, sono spinti, per uno scopo vitale per l'umanità, all'assassinio e al suicidio da altri uomini che hanno gli stessi sogni, le stesse ambizioni, gli stessi sentimenti, la stessa scienza, ma che si trovano nel campo avverso. Perché, come dice il Vangelo, e come ripete l'autore:  "Ogni regno diviso in se stesso perirà". E soltanto un pericolo comune può affratellare due nemici che siano naufragati insieme.