Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(38)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Fantasy - Mondadori - 1a Serie

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1976    
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N. Volume:   6
Titolo:   Il libro di Isle
Autore:   Nancy SPRINGER
   Traduzione: Gaetano Luigi STAFFILANO
   Copertina: MAREN
 
Data Pubbl.:   21 Novembre 1988 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The White Hart, 1979
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantasy
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   144
 
 
  Ultima modifica scheda: Vecchio47 06/07/2016-08:43:07
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Da moltissimi anni, ormai, nel continente-isola di Isle manca la mano salda di un re capace di fare rispettare le leggi degli uomini e degli dèi; scomparso Byve, l'ultimo Grande Monarca di Eburacon, l'intero paese è caduto preda di razzíe e soprusi, nonostante gli sforzi di alcuni giusti e valorosi signori. Pryce Dacaerin è uno di questi, ma neppure il suo prestigio basta a evitargli il rapimento della sua unica figlia, Ellid. A liberarla giunge tuttavia inaspettato l'ultimo principe elfico, Bevan Mano d'Argento, figlio di Byve. Bevan è tornato dai recessi della Terra Interna per cercare l'aiuto degli uomini in una impresa quasi folle: recuperare Hau Ferddas, la grande spada magica degli Antichi, e distruggere l'odiato potere di Pel Blagden, il dio oscuro che ha provocato la caduta di Eburacon e che ora infesta Isle con le sue schiere spettrali. Un'impresa da cui certo pochi torneranno, ma che costituisce l'ultima speranza di un futurodi pace per Isle.