Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
tehom tehom 
marco.kapp Vedi il profilo utente 
maxborgo maxborgo 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
adso adso 
Visitatore Visitatori(38)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:189
 
Piace a 9 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.31
 
N.:   189
Il seme tra le stelle
James BLISH
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Luigi GARONZI
 
Data:   26 Ottobre 1958 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Seedling Stars, 1956
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
Ristampato nel numero: 535
 
  Ultima modifica scheda: mvent 13/06/2012-17:46:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ecco un altro ritorno che sarà senz'altro gradito ai nostri affezionati lettori: quelli di James Blish. Ricordate? L'autore di «Mondi invisibili» e «Ritorno dall'infinito». questa volta l'efficace scrittore affronta un tema interessantissimo. Il problema di come adattare l'uomo a mondi che sono diversi dal suo ambiente naturale. E' infatti questa una delle maggiori difficoltà che incontrerebbero gli scienziati i quali svolgessero il loro pensiero alla conquista dello spazio. Ebbene secondo James Blish una soluzione c'è ed è l'unica: adattare l'uomo, quando ancora è in embrione, ai diversi ambienti che lo aspettano sui nuovi mondi. Nascono così gli Uomini Condizionati. Così l'uomo conquista l'Universo. E la Terra trascurata, abbandonata, sconvolta dalla follia guerrafondaia, si riduce a un deserto sterile e, pietroso non più adatta ad ospitare i suoi figli. Il destino che l'uomo ha sfidato, trasformandosi in mille e mille modi per adattarsi a mille e mille ambienti, gli nega di vivere, nella sua forma originale, sul suo pianeta. I pochi uomini rimasti uguali al «tipo fondamentale» dovranno accettare in silenzio, e subirla l'estrema beffa di vedere la loro Terra popolata da esseri creati da loro e che essi considerano inferiori, mentre per numero e adattabilità gli Uomini Condizionati sono ormai gli unici ad avere la possibilità di diventare i veri padroni dell'Universo.