Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
flex62 flex62 
Sentinel Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(58)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:189
 
Piace a 9 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.31
 
N.:   189
Il seme tra le stelle
James BLISH
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Luigi GARONZI
 
Data:   26 Ottobre 1958 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Seedling Stars, 1956
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
Ristampato nel numero: 535
 
  Ultima modifica scheda: mvent 13/06/2012-17:46:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ecco un altro ritorno che sarà senz'altro gradito ai nostri affezionati lettori: quelli di James Blish. Ricordate? L'autore di «Mondi invisibili» e «Ritorno dall'infinito». questa volta l'efficace scrittore affronta un tema interessantissimo. Il problema di come adattare l'uomo a mondi che sono diversi dal suo ambiente naturale. E' infatti questa una delle maggiori difficoltà che incontrerebbero gli scienziati i quali svolgessero il loro pensiero alla conquista dello spazio. Ebbene secondo James Blish una soluzione c'è ed è l'unica: adattare l'uomo, quando ancora è in embrione, ai diversi ambienti che lo aspettano sui nuovi mondi. Nascono così gli Uomini Condizionati. Così l'uomo conquista l'Universo. E la Terra trascurata, abbandonata, sconvolta dalla follia guerrafondaia, si riduce a un deserto sterile e, pietroso non più adatta ad ospitare i suoi figli. Il destino che l'uomo ha sfidato, trasformandosi in mille e mille modi per adattarsi a mille e mille ambienti, gli nega di vivere, nella sua forma originale, sul suo pianeta. I pochi uomini rimasti uguali al «tipo fondamentale» dovranno accettare in silenzio, e subirla l'estrema beffa di vedere la loro Terra popolata da esseri creati da loro e che essi considerano inferiori, mentre per numero e adattabilità gli Uomini Condizionati sono ormai gli unici ad avere la possibilità di diventare i veri padroni dell'Universo.