Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
massimo massimo 
wawawa wawawa 
Visitatore Visitatori(48)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:188
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 0.00
 
N.:   188
Assalto al cielo
Richard BESSIÈRE
     Traduzione: Patrizio DALLORO (ps. di Maria Teresa MAGLIONE)
     Copertina: Carlo JACONO
 
Data:   12 Ottobre 1958 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A l'assaut du ciel, 1951
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 29/08/2018-10:42:26
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ritroviamo in questo romanzo di Bessière i sei simpatici amici di "La crociera della Meteora", ritroviamo l'esuberanza spassosa di Spago, la serietà scientifica di Bénac, la grazia di Mabel, la prudenza di  Gonzales, il coraggio e la generosità di Richard e Jeff. E ritroviamo la "Meteora", la meravigliosa astronave progettata dal professor Bénac. Questa volta gli audaci esploratori hanno in programma di raggiungere Giove, Nettuno e Plutone, i pianeti più lontani dalla Terra. Sui tre mondi sconosciuti, dove nessun terrestre ha mai messo piede, li aspettano avventure di volta in volta drammatiche o divertenti, e straordinarie rivelazioni che capovolgono tutte le teorie elaborate dai vari scienziati. La fantasia dell'autore qui si scatena e ci porta tanto in alto che alla fine del romanzo costa fatica ritornare alla conosciuta realtà di tutti i giorni.