Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Thx 1138 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Andrea58 Andrea58 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Titolo grande - immagine nel cerchio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1797
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.75
 
N.:   291
La guerra della pace
Vernor VINGE
     Traduzione: Vittorio CURTONI
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Giugno 2001 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Peace War, 1984
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   104 x 175
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   304
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 30/11/2014-10:47:05
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Vincitore del premio Hugo 2000 con il romanzo A Deepness in the Sky, Vernor Vinge è un autore molto amato anche dal pubblico italiano. Per questo abbiamo deciso di ristampare nei "Classici di Urania" il ciclo del "Realtime", una delle più famose sequenze narrative vingiane. In questo libro - uscito a suo tempo con il titolo Quando scoppiò la pace - assistiamo all'invenzione delle "bolle", i campi di forza impenetrabili in cui vengono racchiusi uffici governativi, basi militari e centri di potere. Nominalmente, i Laboratori Energetici Livermore fanno tutto per la pace e la stabilità, ma allora perché, una volta impadronitisi del mondo con i campi di forza, proibiscono ogni nuovo tipo di ricerca scientifica? E perché ne considerano l'inventore, Paul Hoehier, il loro peggiore nemico?