Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
maxpullo Vedi il profilo utente 
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(61)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:175
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 9.00
 
N.:   175
Addio alla Terra
Andre NORTON (ps. di Alice Mary NORTON)
     Traduzione: Mario GALLI
     Copertina: Carlo JACONO
 
Data:   13 Aprile 1958 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Stars Are Ours!, 1954
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: mvent 12/06/2012-07:58:45
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Andre Norton, che i nostri lettori hanno già avuto modo di apprezzare, ci offre un altro dei suoi romanzi pieni di tensione e di suspense su uomini e fatti nello spazio cosmico. E', questo Addio alla Terra, un racconto di inseguimenti e di terrore, culminanti con la fuga di un gruppo di uomini audaci e disperati sul pianeta di un altro Sistema Solare. Sulla Terra è diventato impossibile vivere per chi ama la libertà e la giustizia, per chi odia le violenze e l'ignoranza bruta, per chi non si vuol adattare a una vita vuota, senza avvenire. Una fuga all'ultimo momento e un viaggio attraverso gli spazi cosmici, che dovrà durare secoli, porta i protagonisti di questo romanzo davvero straordinario sulla superficie di un altro pianeta, dove crescono alberi dai frutti dorati come i mitici pomi, e si estendono le rovine di antichissime metropoli di una civiltà che si è aùtoestinta. Uno strano popolo di anfibi fa infine la sua comparsa a coronare una delle più belle trame che la fantascienza avventurosa e di "anticipazione" abbia mai prodotto.