Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
erberto erberto Amico di Urania Mania
grifone58 grifone58 Amico di Urania Mania
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(23)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Cerchietto rosso nell'angolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1723
 
Piace a 7 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.36
 
N.:   217
Addio, e grazie per tutto il pesce
Douglas ADAMS
     Traduzione: Laura SERRA
     Copertina: Marco PATRITO
 
Data:   Aprile 1995 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   So Long, and Thanks for All the Fish, 1984
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 09/11/2014-10:43:27
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ormai la Terra è stata demolita dai Vogons per fare posto a una nuova circonvallazione iperspaziale, ma questo lo sapevate già. Avete seguito tutta la storia fin dalle sue origini, dapprima con la Guida Galattica degli Autostoppisti, poi con il Ristorante al Termine dell'Universo e infine con La Vita, l'Universo e tutto quanto. Ma pensavate davvero che le geniali e pazzesche vicende di Arthur Dent e Forth Prefect avrebbero osato arrestarsi dopo una semplice trilogia? Ora Douglas Adams ci dimostra il contrario, aggiungendo un nuovo capitolo alla sua saga galattica il cui successo ovunque appare inesauribile. E questa volta, oltre alla sorpresa di una ricomparsa inaspettata, non è detto che non siano i delfini ad avere l'ultima parola.