Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
stalker1 stalker1 
Nick Parisi Nick Parisi 
raffa raffa 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Cerchietto rosso nell'angolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1673
 
Piace a 1 utente
Non piace a 1 utente
Media: 6.00
 
N.:   167
Quando le macchine si fermeranno
Christopher ANVIL
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Oscar CHICHONI
 
Data:   Febbraio 1991 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Day the Machines Stopped, 1964
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 30/11/2014-08:11:06
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In una grande metropoli come New York (ma anche Londra, Roma o Milano) le macchine sono giĆ  al comando di tutto: da quelle che guidiamo per la strada a quelle, piĆ¹ sofisticate, che regolano il percorso di treni e aerei, che ci pagano lo stipendio e ci addebitano fatture astronomiche. Ma se un giorno le amate/odiate macchine dovessero fermarsi? Se la fine del mondo non avvenisse con un bang clamoroso, ma con un piĆ¹ discreto collasso di grandi e piccoli sistemi? Questa ipotesi (trattata a livello divulgativo da molti scrittori) trova nel presente romanzo una soluzione tutta, fantascientifica, anche se parte da una premessa quanto mai semplice e modesta: una specie di "sciopero generale dei semafori". Da questo momento in poi tutto puĆ² accadere e a New York (ma anche a Londra, Roma o Milano) il terrore scende nelle strade, in un crescendo di suspense e di avventura.