Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
zecca_2000 zecca_2000 
sergio23 sergio23 
Visitatore Visitatori(61)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Cerchietto rosso nell'angolo

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1673
 
Piace a 1 utente
Non piace a 1 utente
Media: 6.00
 
N.:   167
Quando le macchine si fermeranno
Christopher ANVIL
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Oscar CHICHONI
 
Data:   Febbraio 1991 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Day the Machines Stopped, 1964
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 30/11/2014-08:11:06
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In una grande metropoli come New York (ma anche Londra, Roma o Milano) le macchine sono giĆ  al comando di tutto: da quelle che guidiamo per la strada a quelle, piĆ¹ sofisticate, che regolano il percorso di treni e aerei, che ci pagano lo stipendio e ci addebitano fatture astronomiche. Ma se un giorno le amate/odiate macchine dovessero fermarsi? Se la fine del mondo non avvenisse con un bang clamoroso, ma con un piĆ¹ discreto collasso di grandi e piccoli sistemi? Questa ipotesi (trattata a livello divulgativo da molti scrittori) trova nel presente romanzo una soluzione tutta, fantascientifica, anche se parte da una premessa quanto mai semplice e modesta: una specie di "sciopero generale dei semafori". Da questo momento in poi tutto puĆ² accadere e a New York (ma anche a Londra, Roma o Milano) il terrore scende nelle strade, in un crescendo di suspense e di avventura.