Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
stalker1 stalker1 
Zia Marisa Zia Marisa 
Sentinel Vedi il profilo utente 
gengiscan10 gengiscan10 
Visitatore Visitatori(65)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Oscar Narrativa - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:16590
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   27 - 940
Lontano dal pianeta silenzioso
C. S. LEWIS (ps. di Clive Staples LEWIS)
     Traduzione: Franca Degli ESPINOSA
     Copertina: Steve HARLEY (ps. di PART)
 
Data:   5 Marzo 1979 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Out of the Silent Planet, 1938
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   208
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 01/09/2018-22:11:11
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Primo volume di una celebre trilogia interplanetaria, Lontano dal pianeta silenzioso si legge comunque come un romanzo a se stante. Narra di un viaggio su un affascinante e misterioso pianeta del sistema solare: Malacandra. Lo compiono tre inglesi: Ransom, un filologo capitato per caso nell'avventura, Welson, uno scienziato fanatico, cinico ed egoista e Devine, un avventuriero senza scrupoli. L'interesse del romanzo sta soprattutto nella descrizione del pianeta e dei suoi abitanti, delle leggi e dei principi che lo governano. Ne risulta un mondo utopico che Lewis contrappone al nostro, e del quale si serve come spunto per dissertare sul destino morale del mondo. Romanzo a metà strada fra la fantascienza e il fantastico, quindi, dove la fantascienza non è di stampo tecnologico bensì umanistico e sociologico, tutta ipotesi sulla moralità dell'uomo, tutta scontro tra il bene e il male. La fantascienza di Lewis è una invenzione di mondi alieni, abitati da caricature psicologiche dell'uomo e della sua cultura, ammantati di visioni e scenari fantastici, descritti a volte con sottile humour inglese, a volte con tocchi di poetica liricità.