Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
cosmo 49 cosmo 49 
Visitatore Visitatori(26)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:165
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.17
 
N.:   165
La città senza ritorno
E. C. TUBB (ps. di Edwin Charles TUBB)
     Traduzione: Andreina NEGRETTI
     Copertina: Luigi GARONZI
 
Data:   21 Novembre 1957 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   City of No Return, 1954
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 28/08/2018-18:16:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Ancora un romanzo di E.C.Tubb, l'autore di "I pionieri di Marte" e "La lunga morte". L'eccezionale successo riscosso dalle precedenti opere di questo originale scrittore è una garanzia per gli appassionati di fantascienza. "La città senza ritorno" è una stupenda favola per adulti, ricca di umanissimi contrasti, di volta in volta delicata, amara, violenta. E' la vicenda di tre esseri umani: due uomini e una donna; di un pianeta, Marte; e di una città, Klaglan. Chiusa nella coppa delle Montagne Azzurre, al centro di un mare e di sabbia, custodita gelosamente da una natura ostile all'uomo, sorge Klaglan, l'allucinante città proibita. Da innumerevoli millenni silenziosa e immutabile, la metropoli di cristallo giace nel deserto rosseggiante, sede di misteriose voci, e di fantastiche leggende nate dai miti più cari alla fantasia popolare. Ma Klaglan, gemma troppo preziosa anche per l'avidità uana, è qualcosa di più di una città. Qualcosa di più e dì diverso, e, forse, d'irraggiungibile..