Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(30)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:158
 
Piace a 9 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.93
 
N.:   158
La città e le stelle
Artur C. CLARKE (ps. di Arthur Charles CLARKE)
     Traduzione: Hilja BRINIS
     Copertina: Luigi GARONZI
 
Data:   15 Agosto 1957 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The City and the Stars, 1956
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
Ristampato nel numero: 456
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 28/08/2018-17:51:11
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Vi presentiamo il più fantasioso e nello stesso tempo il più poetico romanzo di Arthur Clarke. La sua concezione di Diaspar, la città immortale, dove, vero Crepuscolo degli Dei, la perfezione scientifica della Terra affonda gli uomini nella buia notte del più arida oscurantismo, difficilmente potrà trovare l'eguale. Spento per sempre l'infiammato impulso che ha spinto la razza umana fuori della sua Galassìa, la grande Saga del volo spaziale è ormai una leggenda antica. E Diaspar è la prigione dorata dove non si commettono errori. Ma un uomo riscopre il passato, e apre la dimenticata via delle stelle con incalcolabili conseguenze per sé e per la sua gente. In un mondo che ha bandito la nascita e la morte, la gioia e il dolore, sostituendoli con un alternarsi di essere e non essere che non suscita alcuna emozione, quell'uomo scopre l'esaltante sentimento dell'amore. E' allora che Diaspar gli appare quale veramente è: monotona, fredda città senza anima, inumana e crudele, abitata da perfette statue che non possono sbagliare. Non appena si accorge di quanto sia ristretta la sua prigione, l'uomo desidera la libertà, questa esaltante cosa che lui non ha mai conosciuta. Se sia un bene o un male lo si saprà soltanto dopo, ma una cosa è certa: sbagliato o giusto, vale la pena di tentare.