Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
rammstein Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
ciccio ciccio 
Visitatore Visitatori(72)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Bianchi - (Fantascienza)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1551
 
Piace a 18 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.36
 
N.:   45
Io sono Helen Driscoll
Richard MATHESON
     Traduzione: Hilja BRINIS (ps. di Hilia BRINIS)
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   Dicembre 1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   A Stir of Echoes, 1958
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   192
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 09/11/2014-11:26:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Richard Matheson è uno dei più "grandi esploratori" della fantascienza, di cui ha percorso, senza mai ripetersi, tutti i campi possibili. Le sue storie sempre memorabili hanno affrontato ogni volta un tema diverso: dal falso robot di "Acciaio" al povero mostro di "Nato d'uomo e di donna" ai terrificanti infra-terrestri di "Su dai Canali": dalla quarta dimensione di "Bambina perduta" e dalla satira sessuale di "Fenomeno culturale" alla tragedia atomica di "Regola per sopravvivere" e alla spietata, raccapricciante sociologia dell'"Esame"; dai fenomeni di veggenza dell'"Uomo delle domeniche" al Duello tra auto e camion dell'omonimo capolavoro del regista Spielberg. In questo, che è uno dei suoi rari romanzi "lunghi", egli ci dà un'altra prova del suo genio per le evocazioni inquietanti, angosciose, e tuttavia sempre calate nella realtà del nostro tempo.