Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
adso adso 
Visitatore Visitatori(58)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici - Mondadori - Bianchi - (Fantascienza)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1533
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.00
 
N.:   27
Prigioniero del silenzio
Rex GORDON (ps. di Stanley Bennett HOUGH)
     Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   Giugno 1979 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   No Man Friday, [1956] 1957
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 24/09/2018-10:11:25
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Nessuno ha mai osato sostenere che "Robinson Crusoe" (o pi√Ļ precisamente: "La Vita e le Strane, Sorprendenti Avventure di Robinson Crusoe di York, Marinaio, che visse Ventotto Anni completamente solo in un'Isola disabitata presso la Costa dell'America e la Foce del Gran Fiume Orinoco, essendo stato gettato a Riva in un Naufragio nel quale tutti perirono salvo lui stesso") sia un romanzo di fantascienza. Eppure lo spirito √® quello, lo stile √® quello, ed √® innegabile il suo influsso su opere di "precursori" come Poe, Verne, Wells. A queste opere, nel 1956 se ne aggiunse un'altra che nel titolo dell'edizione inglese (No Man Friday, "Nessun uomo chiamato Venerdi") rivelava la sua discendenza da Defoe, mentre in quello dell'edizione americana (First on Mars, "Primo su Marte") riconosceva il suo debito verso Wells e i "Primi uomini nella Luna". Forse il sospetto che si trattasse di un'imitazione, di un pastiche, nocque al libro, che nei paesi anglosassoni non ebbe alcun particolare successo; per cui nell'edizione italiana ebbe un terzo titolo, col quale oggi lo ripubblichiamo. Ma nel frattempo, anche all'estero, questo "Prigioniero del silenzio" √® stato riconosciuto per quello che √®: un romanzo perfetto, un'opera assolutamente originale, un "classico" di pieno diritto.