Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
trifide Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
jommy cross Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Dylan65 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(46)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca (I Romanzi di..)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:149    
 
Piace a 8 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.50
 
N. Volume:   149
Titolo:   I trasfigurati
Autore:   John WYNDHAM (ps. di John Wyndham Beynon HARRIS)
   Traduzione: Hilja BRINIS (ps. di Hilia BRINIS)
   Copertina: Curt CAESAR
 
Data Pubbl.:   11 Aprile 1957 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Re-Birth, 1955
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   128
 
Ristampato nel numero: 448
 
  Ultima modifica scheda: mvent 12/06/2012-07:50:44
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
John Wyndham, eccezionale narratore di fantascienza, mancava da qualche tempo nella nostra collana, ma chi ha letto le sue precedenti opere: Le Onde del Sahara, Avventura su Marte, L'Orrenda Invasione, Il Risveglio dell'Abisso, non può averlo dimenticato, e si tufferà con rinnovato piacere nelle pagine de I Trasfigurati. Gli altri, ne apprezzeranno lo stile scarno e immediato, il vigore delle immagini, la poesia delle vicende da lui raccontate, e si appassioneranno a questa sua nuova opera, lasciandosi trasportare in un mondo di logica favola dove il fantastico e l'umano sono tanto abilmente fusi, che alla fine del libro l'unica realtà possibile sembra quella raccontata da Wyndham, e pare di trovarsi per errore in un mondo che non è, del tutto, quello descritto dall'autore. "E Dio creò l'uomo a Sua immagine e somiglianza". Dalla presuntuosa interpretazione di questa frase biblica nasce il dramma di Sophie, la tragedia di Anne e Katherine, la storia di David e Rosalind e Petra, la speranza per Michael e Deborah. Dalla penna di Wyndham, che qui dimostra ancora una volta di aver raggiunto vera maturità di scrittore, sgorga spontanea e viva la condanna per una umanità orgogliosa e pazza, la pietà per i miseri, l'amara consapevolezza per la sorte degli umani.